FEDE DI CREDITO PERIODO NAPOLEONICO - R. ETRUSCO 1808

FEDE DI CREDITO PERIODO NAPOLEONICO - R. ETRUSCO 1808

3343
In Stock
€120.00
Tax included Shipping excluded

PayPal

Description

ID: 3343

FEDE DI CREDITO CON TIMBRO DI SOLDI QUATTRO 

Il regno di Etruria (1801-1807) fu uno Stato preunitario dell'Italia centrale, comprendente gran parte dell'odierna regione Toscana.

Fu costituito, al posto del Granducato di Toscana, da Napoleone Bonaparte, che in seguito ai trattati di Lunéville (9 febbraio 1801) con gli alleati della seconda coalizione e di Aranjuez (21 marzo 1801) con la Spagna, designò re d'Etruria Ludovico I di Borbone, come compensazione per la rinuncia al Ducato di Parma e Piacenza, che invece fu annesso alla Francia. Nel 1808 il regno fu diviso - secondo l'uso francese - in tre dipartimenti denominati "del Mediterraneo" (Livorno), "dell'Ombrone" (Siena) e "dell'Arno" (Firenze), corrispondenti all'incirca, rispettivamente, alla costa tirrenica, alla parte meridionale ed a quella settentrionale della Toscana.

Al momento della sua creazione il regno di Etruria confinava ad ovest con il Mar Tirreno, a nord con la Repubblica di Lucca e la Repubblica Cisalpina, che lo delimitava anche ad est, insieme con lo Stato Pontificio, che a sua volta lo demarcava anche a sud.

Il regno di Etruria ebbe una brevissima durata, dal 1801 al 1807, anno in cui, a seguito del Trattato di Fontainebleau (23 ottobre), fu annesso alla Francia. Nel 1803 Ludovico I morì e gli subentrò al trono il figlio Ludovico II, in nome del quale tuttavia regnò come reggente la madre Maria Luisa di Borbone-Spagna.

FONTE WIKIPEDIA

 

 

 

"

Product Details

Place of issue
Firenze
Year of issue
1808
Nation of issue
Regno d'Etruria
Rarity Index
R4
Quotation Index
S4
Dimension

Reviews

No reviews
Product added to wishlist
Product added to compare.

This site or third-party tools used by this make use of cookies necessary for the operation and useful for the purposes described in the cookie policy.
If you want to learn more or opt out of all or some cookies, see the cookie policy.
By closing this banner, clicking on a link or continuing navigation in any other way, you consent to the use of cookies.