BANCA AGRICOLA ITALIANA - UNA AZIONE TORINO 1923

BANCA AGRICOLA ITALIANA - UNA AZIONE TORINO 1923

596
In Stock
249,00 €
Tasse incluse Spedizione esclusa

Descrizione

ID: 596

CERTIFICATO AL PORTATORE PER UNA AIMMAGINE 

COSTITUITA CON ATTO DEL 20 OTTOBRE 1920

La Banca Agricola Italiana, costituita nell'ottobre del 1920, traeva in realtà le sue origini dalla S. A. Banca Cravario & C., creata durante il periodo bellico da Angelo Cravario. Nel 1921, in concomitanza con l'ingresso del pacchetto azionario del noto finanziere piemontese Riccardo Gualino, si apriva per la Banca Agricola Italiana una fase di forte espansione territoriale. Già dall'anno seguente, l'istituto di credito torinese assorbiva la Banca Agricola Industriale di Casale Monferrato e, sempre nei primi mesi del 1922, avviava una strategia di penetrazione nel territorio comasco e varesino attraverso l'iniziale creazione della filiale di Como, seguita ben presto da quelle di Mariano Comense (maggio '22), Erba Incino (luglio), Cantù (agosto), Besana Brianza, Carate Brianza, Lecco, Malnate e Merate (ottobre) per finire con quelle di Varese, Tradate, Gavirate, Oggiono e Laveno. L'espansione della Banca Agricola Italiana sarebbe proseguita anche negli anni seguenti attraverso l'acquisizione nel 1924 del Credito Piemontese (in concorso con la Banca d'Italia) e nel 1927 della Banca Biellese e della Banca Generale della Penisola Sorrentina. Quest'ultime operazioni, tuttavia, non avrebbero portato i risultati sperati, tanto che l'istituto torinese, che ormai in pratica poteva contare su di una rete di filiali in quasi tutte le regioni italiane, avrebbe iniziato a far registrare perdite d'esercizio. La difficile situazione della società, inoltre, si intersecava con quella altrettanto negativa di Riccardo Gualino. Proprio quest'ultimo, nel 1929, chiedeva aiuto alla Banca d'Italia e al Ministero del Tesoro, con i quali veniva stabilita una convenzione per salvare la Banca Agricola Italiana. Il tentativo di salvataggio, tuttavia, sarebbe amaramente fallito costringendo così il Gualino a cedere progressivamente la propria quota sociale, acquisita della Banca d'Italia, e ad avviare un processo di smembramento delle rete delle filiali che finivano per essere acquisite da diversi istituti di credito, tra i quali il Monte dei Paschi di Siena, l'Istituto San Paolo di Torino, la Banca Nazionale del Lavoro e la Banca Commerciale Italiana. Nel 1932, iniziava per la Banca Agricola Italiana la procedura di liquidazione.

"

Dettagli del prodotto

Luogo di emissione
Torino
Anno di emissione
1923
Nazione di emissione
Italia
Nome stampatore
STEN GRAFICA TORINO
Referenti
DUE AMMIINISTRATORI
Indice di rarità
R4
Indice di quotazione
S4
Dimensioni

Reviews

No reviews
Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto al comparatore

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in qualsiasi altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.