1851 - ROMANA DELLE MINIERE DI FERRO E SUE LAVORAZIONI SOC. - ROMA

8128
In Stock
390,00 €
Tasse incluse Spedizione esclusa

Azione al portatore di 100 Scudi romani. Formato 20,5×19 cm. Acquaforte su carta filigranata raffigurante gli stabilimenti per la lavorazione e i forni per la fusione del ferro, immagini presenti anche nell’impronta a secco apposta nel quadrante superiore destro. Le prime notizie circa la lavorazione del ferro a livello industriale risalgono al 1794, anno di apertura della Ferriera Pontificia sotto il pontificato di Pio VI. La sua attività era collegata all’estrazione di ferro a Monteleone di Spoleto. Nel 1842 la Ferriera Pontificia venne rilevata ed ammodernata da Giacomo Benucci (firma autografa sul certificato come presidente) la cui azienda – la Ferriera Benucci – si era fusa con la Società Romana delle Miniere di Ferro nel 1846.

Descrizione

Un’azione al portatore di cento scudi romani risalente al 1849 emanata dalla Società  Romana delle miniere di ferro e sue lavorazioni con firma autografa del Presidente Giacomo Benucci. Il documento di cui parliamo oggi (formato 20,5×19 cm) è un’acquaforte su carta filigranata raffigurante gli stabilimenti per la lavorazione e i forni per la fusione del ferro, immagini presenti anche nell’impronta a secco apposta nel quadrante superiore destro.

La società nasce con l’obiettivo di estrarre il ferro dalle miniere della Tolfa e di altri luoghi dello Stato Pontificio. I principali stabilimenti si trovano a Tivoli e a Terni. La lavorazione del ferro a livello industriale nello Stato Pontificio si diffonde alla fine del ‘700, anno di apertura della Ferriera Pontificia sotto il pontificato di Pio VI. La sua attività è collegata all’estrazione di ferro a Monteleone di Spoleto. L’ammodernamento della Ferriera si deve a Giacomo Benucci che nel 1847 ne diventa definitivamente presidente dopo che la sua Ferriera Benucci si fonde con la Società Romana delle Miniere di Ferro nel 1846.

Come racconta Danilo Stentella (Dalla Ferriera Pontificia alla Zecca di Terni alla SIRI”, Terni 1995) “il Benucci affidò la direzione della Ferriera a Felice Gauthier di Besancon, il quale procedette ad un rapido adeguamento delle strutture della ferriera, che divenne il più grande impianto industriale della città. Il personale impiegato in questa fase assommava a cento unità. Nel 1846 furono installati: 8 fucinali, 4 grandi magli e 2 macchine per la produzione di aria. Si produceva ferro mercantile trafilato, rotaie, bandone e latta. Dal 1847 si iniziò la produzione di prodotti per l’agricoltura e, specialmente, di macchine per la lavorazione delle olive e dell’uva, nonché l’attività della fonderia di bronzo. Vennero poste in azione due grandi ruote idrauliche a cassette, di grande forza motrice. Fu costruito anche un nuovo canale motore che partiva dal Nera, con una portata di sei metri cubi, ristrutturando il corso dell’antico canale Pantano. Ma in quegli anni a Terni non c’era soltanto la ferriera, la cui forza motrice era data dal canale Pantano che azionava quattro ruote a cassettoni, il cui diametro massimo era di m. 7,50 per una larghezza delle casse di m. 3,50. L’industria siderurgica locale era costituita anche da una magona per la fusione e lavorazione del rame e una per il depuramento del ferro. Ludovico Silvestri colloca queste due fabbriche sulla via di Galleto, in una zona ricca di mulini, dei quali ad oggi resta ancora qualche rudere specialmente nelle immediate vicinanze di Papigno”.

Dettagli del prodotto

Luogo di emissione
Roma
Anno di emissione
1851
Nazione di emissione
Stato Pontificio
Referenti
Giacomo Benucci
Indice di rarità
R7
Indice di quotazione
S5

Reviews

No reviews
Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto al comparatore

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in qualsiasi altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.